Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy
Seguici su
cerca

27 Gennaio Giorno della Memoria

27 gennaio 2021

mani volontariato
Data di Pubblicazione

27 gennaio 2021

LA STORIA CI INSEGNI A NON SBAGLIARE PIU'

mani volontariato

Ognuno rifletta sulla necessità di evitare e condannare l’intolleranza affinchè tutti siano parte di un mondo di Pace.

Il 27 gennaio (giorno in cui nel 1945 fu liberato il campo di concentramenro e sterminio di Auschwitz)  è “il Giorno della Memoria” per commemorare le vittime dell'Olocausto.
In Italia nel 2000 è stato istituito il Giorno della Memoria al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.
Le Nazioni Unite hanno stabilito nel 2005 che il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale.

RICORDARE SERVE
Ricordare quanto è accaduto in questo tragico ed oscuro periodo della nostra     Storia al popolo ebraico e ai deportati militari e politici a causa delle leggi razziali (anche italiane) e nei campi nazisti serve a fare in modo che nel futuro del Mondo intero simili eventi non possano mai più accadere. 

IL DRAMMATICO FATTO STORICO
Persone che vivevano normalmente con le loro famiglie ed il loro lavoro nella società, a causa della loro religione, etnia o delle loro idee, vennero private dei loro averi caricati su treni per il bestiame e condotti in campi di concentramento/sterminio senza risparmiare bambini ed anziani. Una volta raggiunta la destinazione le famiglie venivano separate (uomini da una parte e donne dall’altra) chi era idoneo al lavoro era schiavizzato, chi troppo anziano o debile per lavorare veniva immediatamente ucciso. 
Sevizie ed esperimenti con mutilazioni orribili furono eseguite su cavie umane, inclusi bambini e donne incinte.

DATI CHE FANNO RABBRIVIDIRE 
Lo United States Holocaust Memorial Museum calcola che circa 15-17 milioni di persone persero la loro vita come risultato diretto dei processi di "arianizzazione" promossi dal regime nazista, tra il 1933 e il 1945, tra queste, fra i 5 ed i 6 milioni di vittime erano ebrei.

Divulghiamo il Ricordo con la ferma intenzione di promuovere la consapevolezza che queste violenze non si ripetano mai più!

L’Amministrazione del Comune di Fumane