S.I.A.

Cos'è

Il Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate, nelle quali siano presenti persone minorenni, figli disabili o una donna in stato di gravidanza accertata; il sussidio è subordinato all'adesione obbligatoria ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa.

Il progetto viene predisposto dai servizi sociali del Comune, in rete con i servizi per l’impiego, i servizi sanitari e le scuole, nonché con soggetti privati attivi nell’ambito degli interventi di contrasto alla povertà. Il progetto coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare e prevede specifici impegni per adulti e bambini, che vengono individuati sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni. Le attività possono riguardare i contatti con i servizi, la ricerca attiva di lavoro, l’adesione a progetti di formazione, la frequenza e l’impegno scolastico, la prevenzione e la tutela della salute. L’obiettivo è aiutare le famiglie a superare la condizione di povertà e riconquistare gradualmente l’autonomia.

Il beneficio è calcolato mensilmente ma concesso bimestralmente e verrà erogato attraverso una Carta di pagamento elettronica (Carta SIA), utilizzabile per l’acquisto di beni di prima necessità, solo dal titolare della stessa (cioè la persona richiedente).

L’importo è determinato in base alla numerosità del nucleo familiare:

Nucleo familiare Ammontare del beneficio mensile
1 membro 80 €
2 membri 160 €
3 membri 240 €
4 membri 320 €
5 o più membri 400 €

A chi è rivolto

L'intervento è rivolto alle famiglie con presenza almeno di un componente di minore età o di un figlio disabile o di una donna in stato di gravidanza accertata e che si trovano in condizioni economiche e lavorative di estremo disagio.

Il  richiedente deve essere in Italia da almeno 2 anni e cittadino italiano o comunitario o suo familiare titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Ai sensi dell’art. 27 del Dlgs 251/2007, possono essere richiedenti anche i titolari di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria).